0423 359 503 info@ladantesa.com

Bollettino bilingue della Dante Alighieri Society of South Australia Inc.
March 2020, Issue 33



LETTER FROM THE PRESIDENT
“La vita è una combinazione di pasta e magia.”
(Federico Fellini)

   
Dear Members,  
Welcome to the autumn issue of Vita Nuova.

I found the quote above while reading about the anniversary of the great Italian filmmaker Federico Fellini whose 100 years’ anniversary of his birth we celebrate this year. Particularly for Italian immigrants, the quote seems to come to life in most events organised by our community in which we try to combine the magic of our wonderful language and culture with the taste of our unique pasta and Italian food.
 
Much has already happened since the beginning of the new year, including the election of a new Committee member during our AGM on 2nd March. I would like to give a warm welcome to our new co-opted member Claudia Sailis. At the same time, I would like to thank Stefano Bona who moved from co-opted member to elected member and all other members for their hard work: Natasha Marona, Ciro Pipolo, Manuela Burtini, Anna Mazzone, Edmondo Palombo, Gabriella Ferraro, Valeria Perino, Luigi Masciantonio and Maria Russo. Our association is successful only thanks to the hard work of all our volunteers and their supporting families.
 
Italian Language Classes for Adults
The first semester of ADA Language Proficiency Courses, with preparation for optional PLIDA exams, started at the beginning of March with three classes: beginners (A1), intermediate (B1) and upper intermediate speakers of the language (B2). The second semester will start in August; please contact us for enrolment and for more details.
 
The “Caffe’ Italiano” conversation classes also started in March, running twice a month.
 
Dante Kids
Following the positive feedback and response from the community, the Dante Alighieri Society is running for the fourth year the successful Italian playgroup children’s language course (0-5 years-old). The program started at the beginning of February and will run for all Term 1 of the school year and we plan to run it for the remaining three school terms. For the second year, the course is held at the Altavilla Irpina Sports and Social Club which we thank for their support. The project is coordinated by our Committee Member Natasha Marona while our teacher, Pamela Di Rocco, plans and delivers the lessons, supported by Giorgia Bovari.
 
Dante Tweens
For the third year, we are also running a short and innovative language course for children aged between 7 and 11, ‘Dante Tweens’. Ten weekly lessons in Term 1 learning Italian while having fun. We plan to run it for the remaining three school terms. The course also takes place at the Altavilla Irpina Sports and Social Club. The project is coordinated by our volunteer, Sandra Barazin, while our teacher, Valeria Perino, plans and delivers the lessons.
 
“Carnevale Kids Down Under”: on Saturday 29th February the Society held a free community event for children and families at The Marche Club grounds to celebrate the Italian folklore tradition of “Carnevale”. This event was similar to the “Befana Down Under” organised in 2018. The event was sponsored by the Marche Club and in part funded by the South Australian Italian Association (SAIA) and the Campbelltown City Council.
 
About 200 children from 2 to 10 years participated, accompanied by as many parents, not only of Italian origin but from different cultures and languages. The event included a series of recreational and educational activities in Italian and English in compliance with Dante Alighieri’s objective of promoting and spreading the Italian language and culture. All children upon arrival received a bilingual booklet with information on Carnevale, songs, nursery rhymes, poems, Italian / English words and activities to be completed by the children. Among the Carnival-themed educational activities on offer, there was: mask making, colouring in, cutting and pasting, singing of songs and storytelling. In addition, during the day the students of Norwood Morialta High School performed an entertaining and engaging bilingual theatrical act including characters from ‘La Commedia dell’Arte’.
 
I would like to thank Campbelltown City Council Community Grants Program and SAIA which proudly supported the initiative. Thanks also to Norwood Morialta High School for their ongoing cooperation with our association, to Marche Club for hosting and supporting the event and to Radio Italia Uno Adelaide for broadcasting the event live. A special thanks to the committee volunteers and all other volunteers who dedicated their time and energy to ensure the success of such a major event.  
 
Upcoming social events
The “Circolo Divina Commedia Study Group” resumed in February their monthly meetings for reading and discussions of Purgatorio.
 
We have planned our fundraising dinner Il cinema a tavola, for Saturday 20th June at San Giorgio La Molara with a 4-course dinner followed by the screening of the hilarious Italian comedy movie “La casa di famiglia”.
However, due to the recent spreading of COVID-19 affecting all activities in South Australia, our event may be postponed.
 
Our other activities and Italian languages classes for children and adults will also be suspended or modified avoiding face-to-face lessons to ensure the health and safety of our students and teachers.
 
As always, I would like to conclude by thanking all committee members and their families for their support. Our volunteers make the association successful and ensure that the Italian language and culture stay alive in South Australia. We look forward to new members joining and invite you to come to our events, to read our news and to continue to follow and like our page Dante Alighieri Society of SA Inc. on Facebook.
 
Our thoughts are with the Italian people back home, le nostre famiglie, i nostri amici e i nostri cari. For now, keep safe and do not lose faith and hope.

Silvia De Cesare
(President)


  “A CARNEVALE OGNI SCHERZO VALE” 


Carnevale è una festa celebrata in tutto il mondo le cui radici risalgono alle feste e tradizioni pagane e, come spesso accade nelle feste tradizionali, il Carnevale è stato poi adattato ai rituali cattolici.
 
La parola ‘carnevale’ deriverebbe dal latino carnem levare (“eliminare la carne”), poiché indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno di Carnevale (Martedì grasso), subito prima del periodo di astinenza e digiuno della Quaresima (periodo di penitenza di quaranta giorni in preparazione della Pasqua, dal mercoledì delle Ceneri al Sabato Santo). In particolare il Martedì grasso è il giorno di chiusura dei festeggiamenti carnevaleschi, dato che la Quaresima nel rito romano inizia con il Mercoledì delle ceneri.
 
I festeggiamenti del Carnevale come li conosciamo oggi, sono iniziati a Venezia nel 1094, città che l’ha ufficialmente sanzionato a partire dal 1296. Durante il Medioevo e il Rinascimento le celebrazioni del Carnevale erano popolari in tutta Europa. Oggi per due settimane le aree pubbliche intorno a Venezia diventano una vetrina per attori, acrobati e musicisti con residenti e visitatori che indossano maschere elaborate e costumi eleganti.
 
In Italia ogni anno a febbraio o marzo ogni città, anche la più piccola, festeggia questa tradizione secolare con sfilate, balli in costume, feste, musica e la gente indossa costumi e maschere di vario tipo. Il Carnevale di Venezia, Viareggio e Cento sono tra i più famosi in Italia e nel mondo e sono meta di turisti provenienti sia dall’Italia che dall’estero.
 
I bambini si lanciano i coriandoli e a volte la farina o le uova. Molto comuni sono anche gli scherzi, da qui il detto del titolo: “a Carnevale ogni scherzo vale”.
 
Le maschere e i costumi sono un altro importantissimo elemento del Carnevale e si sono sviluppati durante il primo Rinascimento riprendendo i personaggi dalla Commedia Dell’Arte italiana nata in Italia nel XVI secolo. Le rappresentazioni non erano basate su testi scritti ma su degli scenari e improvvisazione. Inizialmente le rappresentazioni erano all’aperto con una scenografia fatta di pochi oggetti. Le compagnie erano composte da dieci persone: otto uomini e, per la prima volta introdussero un elemento nuovo di portata dirompente e rivoluzionaria, la presenza delle donne sul palcoscenico, due donne.
 
Il nome “arte”, nel Medioevo, significava “mestiere”, “professione” e quello del teatrante era considerato un vera e proprio mestiere. La definizione di commedia dell’arte fu data nel 1750 da Carlo Goldoni nella commedia Il teatro comico in cui l’autore veneziano menziona quegli attori che recitano “le commedie dell’arte” usando delle maschere e improvvisando le loro parti.
 
Molto popolari sono i personaggi come Arlecchino, Pantalone, Pulcinella, Balanzone, Dottore, Colombina e tutte le altre maschere italiane tradizionali che spesso sono associate alle diverse regioni italiane.
 
Silvia De Cesare  



RAFFAELLO SANZIO  CELEBRAZIONE DEL CINQUECENTESIMO ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI RAFFAELLO SANZIO – ARTISTA, PITTORE E ARCHITETTO

Il 6 aprile 2020 ricorre il cinquecentesimo anniversario della morte di uno dei più grandi artisti del Rinascimento Italiano, Raffaello Sanzio, conosciuto nei secoli come Raffaello.
Egli nacque ad Urbino, il 6 aprile 1486 da Magia di Battista Ciarla e da Giovanni Santi, un modesto pittore membro della Corte di Urbino, riconosciuta come ambiente di grande cultura e cosmopolita.
Raffaello dimostrò sin da bambino di avere un talento eccezionalmente precoce per l’arte, lavorando in diverse opere che il padre eseguiva nel Ducato di Urbino.
 
Questi ebbe un’influenza importante nella crescita artistica di Raffaello, poiché gli insegnò le prime tecniche pittoriche e i valori umanistici, all’epoca appresi alla Corte di Urbino e considerati all’avanguardia.
 
Artisti di grande talento, come Piero della Francesca, l’Architetto Donato Bramante e Leon Battista Alberti, Umanista e Architetto, partecipavano alla vita culturale della Corte di Urbino, gettando le basi della formazione di Raffaello.
 
Rimasto orfano di entrambi i genitori all’età di undici anni, Raffaello continuò la sua crescita artistica, iniziando un apprendistato a Perugia con Pietro Vannucci detto il Perugino, uno dei più grandi pittori dell’epoca che influenzò i suoi primi lavori.
La prima opera documentata di Raffaello è una pala d’altare per la chiesa di San Nicola da Tolentino a Città di Castello, completata nel 1502.
Documenti dell’epoca rivelano che Raffaello era già considerato “maestro” all’età di 17 anni e che gli vennero commissionati lavori di prestigio come riconoscimento del suo grande talento, tra cui “Lo Sposalizio della Vergine”, nel 1504.
 
Nello stesso anno si trasferì a Firenze, dove per quattro anni si dedicò allo studio dei grandi artisti del Rinascimento, tra cui Masaccio, Michelangelo Buonarroti e Leonardo Da Vinci.
Visse a Firenze per periodi discontinui, viaggiando e lavorando in varie città, tra cui Perugia e Roma.
 
Molte sono le opera che Raffaello completa nel periodo fiorentino tra cui “La Dama con il Liocorno, Agnolo Doni, Maddalena Doni, La Gravida, La Madonna Connestabile, La Madonna del Prato, La Madonna del Cardellino, La Bella Giardiniera”, dimostrando una grande capacità nel prendere spunto dalle varie correnti artistiche dell’epoca.
 
Verso la fine del 1508 Raffaello si trasferì a Roma, segnando una svolta nella sua carriera artistica. Infatti iniziò a lavorare per Papa Giulio II che gli commissionò una serie di lavori nelle sue stanze del Vaticano. E’ un periodo molto importante per Raffaello a Roma, che diventò uno degli artisti più ricercati, ottenendo il nome di “Principe dei Pittori”. Tra le opere Romane di Raffaello presenti oggi nel Vaticano, ricordiamo “La Scuola di Atene” 1509, “La Liberazione di Pietro dal Carcere” 1512, “Il Ritratto di Papa Giulio II”, “ La Madonna Sistina” circa 1513 -oggi a Dresda in Germania- “La Trasfigurazione” 1518-1520 e tantissimi altri capolavori oggi presenti nei vari musei  del mondo.
 
Raffaello era anche un architetto rinomato e nel 1514, dopo la morte del Bramante, fu nominato dal Papa Giulio II responsabile della costruzione della Chiesa di San Pietro. Purtroppo, la maggior parte delle sue opere architettoniche furono demolite o modificate, tra cui i progetti per la Basilica di San Pietro.
 
Uno degli incarichi più importanti che gli venne commissionato dal Papa fu una serie di dieci arazzi, con scene della vita di San Pietro e San Paolo, destinati alla Cappella Sistina.
 
Raffaello morì giovanissimo, all’età di 37 anni. Si racconta che la sua morte fu causata da “eccessi amorosi”: dopo una notte molto movimentata fu colto da febbre e poiché non riferì ai dottori la causa del suo malanno fu curato con salassi invece che con cure ricostituenti.
 
Ancora oggi Raffaello è un artista molto amato, “in parte perché le opere di Raffaello parlano facilmente a chi le ammira e in parte perché c’è qualcosa che ci sfugge e che lo rende più intrigante: Le sue opere sono talmente serene e concluse, prive dell’ambiguità Leonardesca e del dramma Michelangiolesco, che appaiono inafferrabili e divine” ( Stefano Brambilla- Touring Club Italiano).
 
“L’Encyclopaedia Britannica” ne dà una versione più specifica: “Il suo lavoro è ammirato per la sua chiarezza nella forma e la facilità di composizione e per la sua realizzazione visiva dell’ideale neo-platonico della grandezza umana”.
 
Non è semplice definire in poche parole il genio di un artista come Raffaello, considerando che ogni sua opera ha una storia a sé.
 
Per tale ragione il 2020 sarà un anno ricco di eventi e mostre dedicate all’artista nel suo cinquecentenario dalla morte e organizzate in diverse regioni Italiane, nonché in Europa e negli Stati Uniti, al fine di celebrare uno dei più grandi artisti del Rinascimento Italiano e della storia dell’arte mondiale.
 
Edmondo Palombo


  DANTE KIDS




DANTE TWEENS
 


2020 MEMBERSHIP
 
Copyright © 2020 Dante Alighieri Society of SA Inc., All rights reserved.

Our mailing address is:
info@ladantesa.com